Vini

Il fuoco dell’Etna,
il bianco della cenere.

L’azienda mira alla valorizzazione del vitigno autoctono etneo “Nerello Mascalese” vite a bacca nera. Dal Nerello nascono tutti i vini dell’azienda sia i rossi Cirneco, Carusu, Cratere che il bianco Ciuri che proviene dall’innovativa vinificazione in bianco del Nerello Mscalese. Fanno’eccezione gli spumanti che, come nella migliore tradizione della Champagne francese, provengono da Pinot Nero e Chardonnay: le origini della spumantizzaizone sull’Etna risalgono agli inizi dell”800 quando lo spumante prodotto si chiamava “Champagne Etna”.

foto tronco (2)

Il logo di Terrazze dell’Etna è la stilizzazione di un grappolo d’uva: gli acini molto grandi rimandano alla particolare attenzione di cui ognuno sarà oggetto. I colori del packaging derivano dal paesaggio etneo: il marrone della terra lavica su cui crescono i vigneti, il rosso del fuoco dell’Etna, il bianco della cenere. Dalla tutela dell’ambiente naturale, dal recupero delle tradizioni secolari del territorio, dall’uso delle moderne tecnologie nasce il nostro vino, la cui forte personalità racconta di una Sicilia assolata, carica di calore e passione.